Vorrei rifare il sito dell’hotel

“Vorrei rifare il sito dell’hotel”. Quotidianamente mi vengono fatte richieste di questo tipo e mi imbatto in siti di hotel di cui non capisco il senso ( e speriamo di essere l’unica).

Già ne avevo parlato qui, ma oggi vorrei approfondire alcuni aspetti riguardo alla progettazione e ideazione. Facciamo subito chiarezza:

 

il sito del vostro hotel è  lo strumento per vendere le camere.

 

Immaginate che una volta la gente vi comprava dal catalogo, oggi vi compra dal sito, (se non credete a me, credete a Booking.com che vi offre un servizio per rifarvelo)

 

Rifare il sito dell’hotel; perché come e quanto costa?

 

A cosa serve il sito del vostro hotel? Ve lo chiedete mai? Beh se non sapete rispondere a questa domanda, potete fare un piccolo esercizio che vi aiuterà a capire meglio perché, come e se fare un sito per la vostra struttura ricettiva.

L’esercizio è semplice, provate a organizzarvi un viaggio da soli in un paese che non conoscete, magari straniero. Cosa cercate? Come?

Ecco le stesse domande e ricerche che fate voi nel web, le fa chi cerca voi.

Quando pianifico la mia idea di sito, devo pensare non solo alla mia presentazione, ma anche a cosa vuole chi mi cerca/trova.

Si, perchè spesso lo dimentichiamo, il web 2.0 (quasi 3.0) funziona così;

Io domando, Google risponde -l‘utente che naviga cerca risposte.

Il concetto ho cercato di tradurlo con questa grafica; a cosa deve servire un sito di un hotel, e sopratutto Chi deve servire:

 

Siti hotel marche

 

Google offre risultati in base ad un complicato algoritmo, il cui scopo è quello di fornire le risposte esatte ad ogni utente che cerca. Lo fa non solo sulla base di chi paga di più per avere un miglior posizionamento nei risultati di ricerca, ma sulla base di una continua analisi del comportamento del singolo utente nel web; cercando di capirne le intenzioni.

I servizi di geolocalizzazione sono un esempio lampante di come fornire risultati “ad personam” e per la giusta esigenza di quel preciso momento per chi effettua la ricerca. Booking.com lo fa con la sua nuova app, Google lo fa con il servizio My Business.

Se state pensando ad un nuovo sito per il vostro hotel, ricordatevi quindi di:

– Analizzare le parole chiave che hanno portato visite, e nuove parole strategiche (es: il mio sito per chi è)

– Fornire delle risposte chiare, veloci a chi vi trova, e soprattutto la risposta alla domanda principale

perché devi scegliere il mio hotel?”

Farmi prenotare, velocemente e chiaramente, che sia tramite contatto telefonico, booking button o email.

I costi di un sito web non sono riconducibili ad un tariffario statico, ma dipendono da molteplici fattori. Uno dei costi più alti è la scelta di effettuare una intensa strategia legata alla SEO (search engine optimization), ovvero a tutte quelle azioni da fare nel web affiché Google posizioni bene il mio sito web per determinate parole chiave.

Un sito professionale di un hotel di medie dimensioni (senza troppi contenuti), sviluppato da una web agency competente nel settore turistico, con grafica dedicata (preferibilmente con una tecnologia non proprietaria), con un motorino di prenotazione, inserimento dei contenuti in due lingue, ottimizzazione di base, inserimento social network, database per email marketing, qualche contenuto multimediale, se ne disponete, adatto per il mobile, non può avere un costo inferiore ai 1.500 €, con manutenzione/dominio/assistenza annui di almeno 300 €.

E’ ad ogni modo è difficile fare delle stime, si possono trovare soluzioni più economiche, o più costose; come sempre, nel web, la risposta è “dipende.”

Sicuramente oggi il miglior investimento che si possa fare per tutta la comunicazione online della vostra struttura riguarda LE FOTO.

Come già detto qui, le foto parlano tutte le lingue del mondo, e le strutture web più moderne presentano un ampio spazio per le immagini e la comunicazione visiva, per cui prima di rifare il sito, dovrete sicuramente procurarvi del materiale fotografico di ottima qualità.

Questi alcuni esempio di siti interessanti:

 

Contatti di fotografi partner professionali per hotel. (Antonis , Francesca)

Articolo di Simona Ciccalè

Hai ancora dubbi? Partecipa al primo corso PerAlbergatori nelle Marche!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: