Educatì al turismo


“Io vedo che, quando allargo le braccia, i muri cadono.

Accoglienza vuol dire costruire dei ponti e non dei muri” (cit.Andrea Gallo)”

In viaggio verso il BTO 2014, controllando la fitta e densa agenda di appuntamenti, tutti molto interessanti dei prossimi due giorni a Firenze Fortezza da Basso, ragionavo sul concetto di turismo con cui ogni giorno noi ci confrontiamo.

Avrò modo in questi giorni di approfondire tante conoscenze in merito a strumenti, strategie, analisi sulla pianificazione dei prezzi, novità per gli albergatori.

Poi mi ricordo di 10 anni al ricevimento e come per me ogni cliente fosse oro.

La fatica per riuscire ad ottenere una prenotazione, a fronte di migliaia di preventivi, idee, prezzi, mail etc.. era sempre ripagata da vedere che il cliente se andava contento.

Ora vedo tutto da un altro punto di vista, ora lavoro per gli albergatori, e viaggio tanto di più. 

Ogni hotel in cui prenoto ha sempre i prezzi più bassi su Booking.com che sul proprio sito. Io logicamente evito di prenotare dalle Ota, cerco sempre la prenotazione diretta, ma perché i vostri potenziali clienti dovrebbero scegliere di prenotare dal vostro sito?

Qual’è il valore reale delle vostre strutture turistiche?

E’ il valore che gli albergatori offrono, e che si esprime in parte proprio attraverso la politica di vendita.

Se io vedo servizi di pari livello, ma a prezzi differenti, uno proposto da un intermediario e uno da un venditore diretto, perchè devo pagare di meno dall’intermediario?

C’è quindi un elemento che nessuno potrà mai insegnarvi nel mondo del turismo, è un’attitudine, un requisito fondamentale di questa industria e forse la cosa più difficile del mondo….

E’ l’accoglienza.

Per cui a volte preferisco pensare all’industria dell’accoglienza più che del turismo; un mercato in cui si offre, si assiste, si ospita, si da.

Ogni albergatore, a fronte di una strategia di prezzi, di comunicazione, di attività dovrebbe sempre chiedersi, ma io il cliente lo voglio accogliere? Oppure ho solo bisogno di vedere l’hotel pieno, le presenze e il fatturato e non sono capace di trasmettere il mio valore?

Articolo di Simona Ciccalè.

 


Informazioni su Simona Ciccalè

Dal 2008 opera attivamente nel settore dell'hotellerie, prima come responsabile marketing e commerciale, poi come consulente e formatore in web marketing, revenue management e gestione aziendale per albergatori. Dal 2015 collabora con l'azienda Talent Garden come start up manager per lo sviluppo nazionale ed internazionale del network di coworking più grande d'Europa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *