Cosa fare con Twitter per gli hotel

Che cos’è?

Twitter è una piattaforma di micro-blogging. Nell’immaginario collettivo sembra un grande spazio infinito in cui ogni utente possa inviare i propri messaggi nell’universo dei post, parlando, volendo, di qualsiasi cosa, e interagendo, potenzialmente con tutti i suoi 570 milioni di iscritti.

Twitter vs Facebook

Ecco 1° vantaggio di Twitter è che è un social APERTO. Questo significa che, seppur ogni iscritto ha dei follower, ovvero seguaci, un suo “tweet” può tecnicamente essere intercettato da chiunque, a differenza di Facebook (moolta differenza..)

C’era una volta il cancelletto.

I tweet, (messaggi ) possono contenere MAX 140 caratteri, ma il consiglio per avere maggiore interazione è sempre quello di mantenersi sotto a 100 caratteri ed utilizzare l’ hashtag. In ogni tweet potete inserire immagini (consigliato) link (meglio se shortlink) video e indirizzi email.

L’hashtag è un’etichetta che si “attacca” nel vostro post e rimanda a tutta un’altra serie di tweet relativi a quell’argomento. Ad esempio io utilizzo nel mio profilo #peralbergatori, per cui se si ricercano dei tweet dentro Twitter per hashtag scrivendo #peralbergatori vedrete nel risultato tutti i tweet relativi a questo argomento.

Chi cerca trova

Su Twitter non si “lanciano” solo i propri messaggi, anzi, per gli utenti abituali è una fonte inesauribile di risorse, per alcuni versi, finora, anche migliore di google per la ricerca dei contenuti. Quindi su Twitter gli utenti cercano e cercano tanto e, come nel resto del web, sia destinazioni o informazioni su di esse, sia hotel.

Le tante possibilità di Twitter per gli hotel.

L’utilizzo di Twitter per gli albergatori ha diversi aspetti interessanti in termini di marketing, remarketing, fidelizzazione e customer care. Fate però attenzione ad evitare questi errori.

Queste le funzioni fondamentali

Monitoraggio: controlla sempre i tweet sulla tua destinazione, sulle attrazioni relative alla tua destinazione e sugli eventi, questo ti permetterà di intercettare tutti quegli utenti che fanno domande o ricerche e instaurare un filo diretto. Potete creare inoltre delle liste tematiche con le persone che seguite.

Individuare il proprio target: a chi parlare? Cosa dire e perché? Leggi questo post. Twitter permette di parlare di se stessi direttamente al segmento che ogni hotel vuole coltivare. Crea i tuoi hashtag di riferimento (es: #HotelBologna #HotelperFamiglie #AlmareinVersilia etc) così da poter fornire un valido strumento per la ricerca.

Instaurare un filo diretto: sia per chi non ti conosce, che per chi è della tua zona, Twitter ti permette di conversare direttamente con i tuoi clienti.

Offrire un servizio di customer care su misura: sono diverse le realtà ricettive che utilizzano Twitter per fare assistenza al cliente, come già fanno molte aziende (Wind, Tim etc..) sia in arrivo che durante il loro soggiorno in hotel, anche in questo caso utilizzando hashtag dedicati (es: #conciergehotelroma #roomserviceNh etc.)

Da poco ha inoltre inserito le TwitterAds, ovvero campagne a pagamento, che permettono di:

– generare conversioni sul proprio sito web;

– generare iscrizioni alla propria newsletter;

– generare interazioni con i propri tweet;

– generare lead generation su Twitter.

 

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: