Simona Ciccalè per Trivago

Trivago Hotel Manager, utile, gratuito e potente

Spesso mi capita di sentire albergatori che mi dicono: “Si, il mio hotel sta su Trivago, ma a che serve?  Non mi arrivano mai prenotazioni da lì!”.

Trivago.it non è un portale di prenotazione online, ma un “meta search” è un motore di ricerca (come Google) che ad ogni interrogazione di un cliente, mostra come risultato tutti i portali di vendita on line presenti e con hotel disponibili per quella data/destinazione.

In linea di massima, affinché la vostra struttura sia visibile su Trivago, è necessario un contratto con una O.T.A.  (tipo Booking.com) o un motore di prenotazione nel vostro sito tra quelli previsti nella sezione per albergatori del portale. Quindi tutti gli hotel che hanno contratto con O.T.A. tecnicamente sono presenti sul portale. 

A differenza quindi delle agenzie di viaggio online, su Trivago un hotel è presente gratuitamente, ma ancora pochi sanno sfruttarne le potenzialià.

Nella sezione “Hotel Manager riservata ci sono moltissime funzioni interessanti e gratuite messe a disposizione per gli albergatori.

Simona Ciccalè per Trivago

 

 

Una volta registrato  il proprio profilo e rivendicata la propria struttura su Trivago sarà infatti possibile :

– inserire dati,  servizi (gratuiti e a pagamento), orari, descrizioni in 29 lingue;

-foto della struttura con attribuzione delle categorie;

-risposta alle recensioni, monitoraggio delle visite/conversioni;

– controllare i prezzi e la reputazione dei competitor;

e molte altre nuove ed interessanti funzioni saranno introdotte nei prossimi mesi.

Cosa cambia tra Trivago e gli altri portali?

Trivago permette di trovare la migliore offerta sul web, aiuta l’utente a risparmiare tempo e denaro, ragion per cui ha milioni di visite ogni giorno.

trivago

Ma non solo in Italia. Trivago è tradotto in 28 lingue nel mondo, con 2 milioni di seguaci su Facebook, un database di circa 730.000 hotel nel mondo (su Booking.com ce ne sono 500.000) e 205 portali di prenotazione collegati.

Ma cosa può fare un albergatore per migliorare la propria visibilità e soprattutto aumentare la percentuale di conversione?

1) Completare dettagliatamente la propria scheda in italiano, e in più lingue possibile con strumenti idonei;

2) Rispondere alle recensioni tempestivamente;

3) Inserire tariffe competitive

4) Collegare il proprio booking engine a Trivago (servizio a pagamento PPC).

Ultimo, ma non per importanza, per aumentare la propria performance, come in tutte le azioni di web marketing,  c’è bisogno di FOTO di alta qualità.

consigli mer 1

L’utente online compra per la destinazione, per il prezzo, e per le foto che devono veicolare sensazioni positive e di benessere.

I dati recenti dell’osservatorio di Trivago mostrano che per alcune destinazioni italiane il 61% del traffico è straniero, quindi la semplice descrizione “impolverata” della nostra struttura non basta più. Questo traffico è massiccio e gratuito e può convertirsi in prenotazioni, anche dirette.

Il 29 ottobre alle ore 15.00  Giorgia Valagussa responsabile Hotel Relations di Trivago Italia terrà un seminario online di un’ora in cui spiegherà a tutti gli albergatori come convertire il traffico straniero in clientela, e sopratutto come creare, scrivere e produrre contenuti di qualità che siano appetibili per i mercati stranieri.

L’incontro è gratuito, basta registrarsi seguendo le indicazioni ed avere l’accortezza di collegarsi almeno 15 minuti prima dell’inizio; la durata prevista è di circa 45 minuti.

Nel caso in cui non possiate partecipare alla sessione live del 29 ottobre potete mandarmi le vostre domande a simona.ciccale@gmail.com e troverete le risposte nel mio prossimo articolo.

di Simona Ciccalè

4 commenti su “Trivago Hotel Manager, utile, gratuito e potente”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: