Trivago Hotel Manager, utile, gratuito e potente 4


Spesso mi capita di sentire albergatori che mi dicono: “Si, il mio hotel sta su Trivago, ma a che serve?  Non mi arrivano mai prenotazioni da lì!”.

Trivago.it non è un portale di prenotazione online, ma un “meta search” è un motore di ricerca (come Google) che ad ogni interrogazione di un cliente, mostra come risultato tutti i portali di vendita on line presenti e con hotel disponibili per quella data/destinazione.

In linea di massima, affinché la vostra struttura sia visibile su Trivago, è necessario un contratto con una O.T.A.  (tipo Booking.com) o un motore di prenotazione nel vostro sito tra quelli previsti nella sezione per albergatori del portale. Quindi tutti gli hotel che hanno contratto con O.T.A. tecnicamente sono presenti sul portale. 

A differenza quindi delle agenzie di viaggio online, su Trivago un hotel è presente gratuitamente, ma ancora pochi sanno sfruttarne le potenzialià.

Nella sezione “Hotel Manager riservata ci sono moltissime funzioni interessanti e gratuite messe a disposizione per gli albergatori.

Simona Ciccalè per Trivago

 

 

Una volta registrato  il proprio profilo e rivendicata la propria struttura su Trivago sarà infatti possibile :

– inserire dati,  servizi (gratuiti e a pagamento), orari, descrizioni in 29 lingue;

-foto della struttura con attribuzione delle categorie;

-risposta alle recensioni, monitoraggio delle visite/conversioni;

– controllare i prezzi e la reputazione dei competitor;

e molte altre nuove ed interessanti funzioni saranno introdotte nei prossimi mesi.

Cosa cambia tra Trivago e gli altri portali?

Trivago permette di trovare la migliore offerta sul web, aiuta l’utente a risparmiare tempo e denaro, ragion per cui ha milioni di visite ogni giorno.

trivago

Ma non solo in Italia. Trivago è tradotto in 28 lingue nel mondo, con 2 milioni di seguaci su Facebook, un database di circa 730.000 hotel nel mondo (su Booking.com ce ne sono 500.000) e 205 portali di prenotazione collegati.

Ma cosa può fare un albergatore per migliorare la propria visibilità e soprattutto aumentare la percentuale di conversione?

1) Completare dettagliatamente la propria scheda in italiano, e in più lingue possibile con strumenti idonei;

2) Rispondere alle recensioni tempestivamente;

3) Inserire tariffe competitive

4) Collegare il proprio booking engine a Trivago (servizio a pagamento PPC).

Ultimo, ma non per importanza, per aumentare la propria performance, come in tutte le azioni di web marketing,  c’è bisogno di FOTO di alta qualità.

consigli mer 1

L’utente online compra per la destinazione, per il prezzo, e per le foto che devono veicolare sensazioni positive e di benessere.

I dati recenti dell’osservatorio di Trivago mostrano che per alcune destinazioni italiane il 61% del traffico è straniero, quindi la semplice descrizione “impolverata” della nostra struttura non basta più. Questo traffico è massiccio e gratuito e può convertirsi in prenotazioni, anche dirette.

Il 29 ottobre alle ore 15.00  Giorgia Valagussa responsabile Hotel Relations di Trivago Italia terrà un seminario online di un’ora in cui spiegherà a tutti gli albergatori come convertire il traffico straniero in clientela, e sopratutto come creare, scrivere e produrre contenuti di qualità che siano appetibili per i mercati stranieri.

L’incontro è gratuito, basta registrarsi seguendo le indicazioni ed avere l’accortezza di collegarsi almeno 15 minuti prima dell’inizio; la durata prevista è di circa 45 minuti.

Nel caso in cui non possiate partecipare alla sessione live del 29 ottobre potete mandarmi le vostre domande a simona.ciccale@gmail.com e troverete le risposte nel mio prossimo articolo.

di Simona Ciccalè


Informazioni su Simona Ciccalè

Dal 2008 opera attivamente nel settore dell'hotellerie, prima come responsabile marketing e commerciale, poi come consulente e formatore in web marketing, revenue management e gestione aziendale per albergatori. Dal 2015 collabora con l'azienda Talent Garden come start up manager per lo sviluppo nazionale ed internazionale del network di coworking più grande d'Europa.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

4 commenti su “Trivago Hotel Manager, utile, gratuito e potente

  • Sonia

    quello che non tutti sanno è che Trivago viene “comandato” (almeno nel mio caso) da booking. Cioè, la mia struttura viene inserita o oscurata su Trivago in base alle esigenze di booking. Ho chiesto spiegazioni e mi è stato risposto che e una questione di web-marketing……qualcuno può spiegarmi cosa è???? Grazie. Sonia

    • simonaciccale L'autore dell'articolo

      Gentile Sonia, Trivago non viene propriamente “comandato” da Booking o da altre Ota. Trivago mostra tra i risultati la nostra struttura se per i giorni in cui viene effettuata la ricerca c’è disponibilità nei vari portali e mostra solo i portali in cui l’hotel ha camere disponibili e se ha camere disponibili.
      Difatto Trivago non è un motore di prenotazione diretta come Booking, ma un comparatore di prezzi e disponibilità. La funzione è quella, per il cliente finale, di mostrare la migliore offerta disponibile su tutti i portali in cui la tua struttura è presente. Allo stesso modo se tu chiudi le camere della tua struttura per stanotte su Booking, neanche lui mostrerà la tua scheda hotel nei risultati della ricerca.

      Può comunque capitare che il tuo hotel sia ad esempio disponibile su Booking, ma non su Trivago in quanto i siti di prenotazione non sono obbligati a fornire l’inventario completo di tutti gli hotel, ma per scelte di carattere commerciale, possono non fornire alcuni prezzi per alcuni hotel e determinate stagionalità. È sempre utile verificare la disponibilità non solo sul mercato italiano, ma anche estero (ad esempio su http://www.trivago.co.uk o http://www.trivago.es). È infatti possibile che un hotel non sia disponibile su una piattaforma, ma su un’altra. In generale questo avviene perché ogni prezzo mostrato su trivago da un sito di prenotazione è un link sponsorizzato (cioè pagato) e i siti di prenotazione possono decidere per quali mercati e hotel fornire la disponibilità.
      Ricorda inoltre che il servizio che offre Trivago per gli albergatori è gratuito! Considerando l’autorevolezza del sito e le visite che genera credo sia una bella opportunità….
      Spero di aver chiarito i tuoi dubbi, e per qualsiasi altra richiesta sono qui! Buona Serata Simona

  • Paolo

    TRIVAGO, contrariamente a quanto detto nell’articolo, non è proprio gratuito, ma ha un costo x click.
    Questo clik, è vero, costa davvero poco, ma nel complesso, si traduce in una spesa non indifferente che inoltre si somma alla spesa commissionale delle OTA.

    • Simona Ciccalè L'autore dell'articolo

      Buongiorno Paolo. L’account di Trivago hotel manager e la sua gestione, che prevede il caricamento di foto, di contenuti in tutte le lingue, il monitoraggio delle visite/prenotazioni esattamente come descritto nell’articolo, è totalmente gratuito.
      Cosa intendi genericamente per “Trivago non è gratuito?”. Il costo per click è relativo al caso in cui nel proprio sito internet sia presente un booking engine compatibile con quelli previsti da Trivago e solo in quel caso si può richiedere il collegamento diretto al proprio sito ed è logico che ci sia un costo per questo servizio; gli altri sono tutti gratuiti. Peraltro i vari portali di prenotazioni pagano Trivago per essere presenti nei risultati di ricerca, quindi da un lato Trivago offre tecnologia e moltissime visite giornaliere, le OTA pagano per essere presenti e promuovere i singoli hotel e agli albergatori non rimane che approfittarne. Spero di aver chiarito i tuoi dubbi. Buona giornata