Social Media Marketing Turistico : in pillole


Devi portarli qui.

Devi portarli qui.

“Il più grande veicolo di pubblicità è il passaparola, che oggi con il web ha assunto una proporzione impressionate. Se i clienti non ci conoscono, non potranno mai prenotare nei nostri hotel, soprattutto se non si parla nella loro lingua (social) nel mercato in cui acquistano (web)” S.C.

Facebook= 1 miliardo di utenti   Twitter=560 milioni di utenti ( per dirne alcuni)

Perché il Social Media Marketing Turistico?

I Social Media sono quelle piattaforme di network, ovvero reti, in cui i contenuti (post, foto, link, messaggi) vengono prodotti dagli utenti che ne fanno parte (community). Nella condivisione dei propri interessi (user generated content) ogni utente mostra al pubblico della community cosa pensa, cosa compra o cosa non gli piace/piace.

Come si fa il Social Media Marketing Turistico?

Utilizzando le pratiche online degli utenti per condividere e discutere attraverso contenuti testuali, immagini, video e audio seguendo un piano editoriale. Queste interazioni generano un grande flusso di conversazioni  che coinvolgono persone, aziende e organizzazioni. (privati, blogger, t.o. , associazioni etc..)

Cosa fa il Social Media Marketing Turistico?

Raggiunge e parla (community management)  a quell’utenza che potenzialmente condivide interessi tali per cui il nostro prodotto/servizio sia appetibile e raggiunge e parla ad una clientela potenziale che invece non lo conosce.

Che scopo ha Social Media Marketing Turistico?

Il Social Media Marketing Turistico ha lo scopo di

1)      Trovare il target ( piano editoriale e branding)

2)      Ingaggiare il target (social engagement)

3)      Convertire il target (roi, landing page)

L’utenza dei social network attraverso: la produzione dei nostri contenuti, l’interazione e la condivisione diventa:        1)Portavoce    2) Ospite     3) Testimone.

 


Informazioni su Simona Ciccalè

Dal 2008 opera attivamente nel settore dell'hotellerie, prima come responsabile marketing e commerciale, poi come consulente e formatore in web marketing, revenue management e gestione aziendale per albergatori. Dal 2015 collabora con l'azienda Talent Garden come start up manager per lo sviluppo nazionale ed internazionale del network di coworking più grande d'Europa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *