I 3 must have di un albergatore 2.0


Cosa significa essere un #albergatore2.0? Per affermarsi nel web, essere competitivi e soprattutto generare ROI dalla propria attività sul web, gli strumenti basiliari e fondamentali sono tre.

Best practice

Best practice

Social Media Marketing

Noi non vendiamo più servizi, vendiamo emozioni e vanno trasmesse tramite il web a chi ci cerca o a chi ci trova. Ogni struttura ricettiva deve utilizzare i propri profili social (Facebook, Instagram, Twitter, Youtube, Pinterest..) per parlare di sé ai propri potenziali utenti ed ascoltarli.

Fondamentale è la “profilazione” dell’utenza a cui rivolgersi, e come ne parlavo già in questo articolo,  il personale può fornirci dati e indicazioni preziosissime per capire a chi e come rivolgerci.

Cosa rende il mio profilo social, un profilo efficace? Non lasciatevi ingannare dai “mi piace” o i vostri “follower”, spesso è meglio “pochi ma buoni”. Individuate i vostri punti di forza, le vostre peculiarietà, cosa solo voi potete offrire e che vi differenzia dai vostri competitors.

Uscite dalla vostra autoreferenzialità! Inizate chiedendovi “perchè dovresti scegliere me?” E ovviamente siate obbiettivi nella risposta, chi prenota è molto più scaltro di chi vende.  Si può gestire un hotel senza avere un profilo social? Direi di no.

Custumer Retention & Email Marketing:

Ogni persona che viene in contatto con la nostra struttura è un potenziale cliente. Come vi contattano oggi i clienti? Fate una ricerca e chiedendo ai vostri collaboratori, addetti al booking o ricevimento, come venite contattati. In base alla risposta scegliete il percorso migliore per non lasciarvi scappare nessuno.

Non per tutti le email sono il principale strumento di contatto, per alcune destinazioni/strutture è ancora il telefono. In questo caso, ancora meglio, non sempre abbiamo tempo di fare preventivi al telefono con il front office congestionato, oppure con l’hotel al completo.

Come fare un preventivo al telefono? Spesso non si può, quindi tenere un registro di contatti con nome cognome dettaglio richiesta e email è il primo passo per una buona politica di customer retention. Non abbiamo più posto? Non dirlo, piuttosto utilizza questa formula, rodata e utilizzata dalla sottoscritta, “verifico la disponibilità, se mi lascia un orario in cui ricontattarla, la richiamo per comunicarle i dettagli” oppure “senza impegno per entrambi, lei intanto continui a cercare, appena ho la prima disponibilità o un’offerta adatta alle sue esigenze, la contatto io“. Basta poco, su dieci telefonate come queste, una prenotazione si prende, il costo di conversione? Zero, basta solo un pò di organizzazione e motivazione.

Per gestire le email invece consiglio dei sistemi di email marketing, o CRM   (Vptiger free download) se già il vostro gestionale alberghiero non ve ne offre la disponibilità. Per esperienza, versatilità e facilità di utilizzo, nonché caratteristiche 2.0, il mio preferito è MailChimp, gratuito fino a 2000 iscritti

Non vi piacciono questi sistemi, non avete chi li gestisce? Bene, a mail estremi, estremi rimedi, iniziate con un foglio excel in cui caricate, o fate caricare, le email in colonna con nome e cognome di chi vi le manda. Ma non tutti gli indirizzi email sono uguali, e dato che è nostro interesse “profilare” l’utenza a cui ci rivolgiamo, iniziate suddividendo in categorie i vostri contatti (fornitori, operatori, solo richieste, mesi delle richieste, prenotati etc..).

Posizionamento tariffario 

A quanto vendete e perchè? Ve lo siete mai chiesto? Siete ereditari di listini o “usi e costumi” che fino ad ora sono andati più o meno bene. Beh, continuando così non andrete più. Sono pochissime le realtà che oggi possono evitare di applicare politiche di revenue alberghiero e pricing. Il punto di partenza per sviluppare un piano di revenue sono tutti i dati dello storico a vostra disposizione dei precedenti esercizi, presenze e fatturato.

Partendo da un piano di revenue, rendetevi acquistabili online, con l’integrazione nel vostro sito un booking engine.

articolo di Simona Ciccalè

find me on GPlus

Tweet @simonaciccale


Informazioni su Simona Ciccalè

Dal 2008 opera attivamente nel settore dell’hotellerie, prima come responsabile marketing e commerciale, poi come consulente e formatore in web marketing, revenue management e gestione aziendale per albergatori.
Dal 2015 collabora con l’azienda Talent Garden come start up manager per lo sviluppo nazionale ed internazionale del network di coworking più grande d’Europa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *