Per albergatori 2.0 (che partono dal 1.0)

Come fare per vendere oggi le camere di un hotel?

L’essenziale

1 – Dove siamo:
I metodi sono due, o tramite canali di vendita in o out line (agenzie. T.o. O.t.a) o direttamente tramite azioni mirate di marketing, contatto diretto e la mia tanto amata customer retention.
Una cosa è certa: oggi non si può più aspettare che il telefono squilli, che qualcuno ci cerchi e trovi proprio il nostro hotel.
Per molti anni nelle località turistiche, soprattutto quelle ad alta vocazione come le destinazioni di mare, o di alta montagna gli albergatori non avevano grandi difficoltà a riempire le proprie camere, anzi. Sembra un ricordo lontano, ma non sono passati tanti anni da quando i clienti si mandavano via perché gli hotel erano pieni.
Nel corso di breve tempo, in proporzione alla storia turistica di gran parte delle destinazioni, il mercato è stato letteralmente stravolto. L’unica cosa certa é che indietro non si torna.
La domanda turistica si evoluta ad una velocità cento volte superiore all’offerta.
Ad ogni modo oggi possiamo stabilire dei punti fermi per capire come poter vendere le nostre camere oggi, e tornare ad avere una clientela consolidata.

2 – (2.0 in realtà)
Partendo dal web: è solo visibilità?
Il vantaggio assoluto del web è oggi è senza dubbio la gratuità. Grazie a questo strumento, la promozione commerciale se ben gestita, oggi ha subito una drastica riduzione di costi. L’unica moneta da spendere, seppur non di poco valore, è il tempo, ovvero il tempo da dedicare per conoscere, imparare e capire come funziona questo strumento. Il presupposto è che il web 2.0 è user friendly, creato per essere facilmente fruibile sia da chi cerca che da chi propone.
Ogni hotel, o meglio ancora, ogni attività commerciale deve avere un sito, in perfetto stile 2.0, usabile con contenuti aggiornati, aggiornabili e per quanto possibile con un booking engine integrato e un contatto diretto con l’hotel (social integrati e modulo di richiesta).
La differenza tra web 1.0 e 2.0 (senza anticipazioni sul 3.0) e la stessa che esiste tra le parole “statico” e “dinamico”.
Il sito dell’hotel deve permettere l’interazione e la condivisione di tutti gli utenti: in primis dei gestori o responsabile booking.
Non è più una vetrina, bensì la porta della vostra struttura; una reception potenzialmente fruibile da migliaia di persone.
Un altra considerazione fondamentale, è che la forza del Web 2.0 si basa esattamente sul principio originale della promozione turistica, ovvero il passaparola.
Fatta questa breve, ma dovuta premessa, prima di parlare di “come” si vendono le nostre camere oggi, bisogna capire “cosa” vendiamo.

articolo di Simona Ciccalè

find me on GPlus

Tweet @simonaciccale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: